Imprenditore moderno: imprenditorialità, managerialità e leadership

Home / Management / Imprenditore moderno: imprenditorialità, managerialità e leadership

La  parola impresa richiama, nel suo significato, l’idea di azione. Le tre parole chiave che la definiscono sono: innovazione, cambiamento e rischio. L’artefice dell’impresa dunque è l’imprenditore che, visto in una dimensione puramente organizzativa, si qualifica per le sue doti di imprenditorialità, managerialità e leadership.

L’imprenditorialità esprime la tensione al cambiamento e all’innovazione che l’imprenditore porta nell’organizzazione in tutte le sue fasi, dalla costituzione di un’impresa sino al suo funzionamento.

Magritte: il principio del piacere

Magritte: il principio del piacere

La managerialità e la leadership attengono invece alla capacità di organizzare e gestire l’impresa e di guidare e motivare le persone coinvolte in essa.

Ci sono così tre dimensioni entro le quali l’imprenditore si muove: la dimensione mentale, quella organizzativa e quella relazionale.

Queste tre dimensioni sono presenti, anche se con tratti differenti a seconda della personalità, in ogni persona che si definisca un imprenditore. Nella figura dell’imprenditore, da buon “eroe romantico moderno”, si prospetta una molteplicità di ruoli sempre proattivi: dovrebbe essere, di volta in volta, architetto o ingegnere, stratega o economista, psicologo o sociologo, tecnico o umanista, politico o giurista. Ci sono delle connotazioni tipiche però che in qualche modo ogni imprenditore dovrebbe esprimere: l’utopia, l’umiltà, la passione, il coraggio e la tenacia.

  1. L’utopia rappresenta la dimensione del sogno, delle idee che animano l’imprenditore e che poi egli trasfonde nel contesto organizzativo.
  2. L’umiltà invece lo conduce sulla strada della ricerca di soluzioni per la realizzazione dell’idea e apre le porte all’innovazione.
  3. Il percorso innovativo che permetterà anche agli altri di condividere l’idea è animato dalla passione.
  4. Il coraggio aiuta a superare gli ostacoli che impediscono la realizzazione del sogno.
  5. La tenacia sorregge il coraggio e lo veicola in una prospettiva di positività che apre nuove strade da percorrere.

L’utopia deve essere vissuta in combinazione con il realismo, impedendogli, però, di soffocare il sogno innovativo. L’umiltà dell’apertura al dubbio e alla ricerca del nuovo deve accostarsi anche a forme di ambizione per impedire che il dubbio sovrasti e soffochi l’azione. La passione non può rifuggire da certe dosi di distacco necessarie a superare l’innamoramento per l’idea, così da delinearne i reali contorni di fattibilità.

Se oggi vuoi fare impresa devi necessariamente dotarti della cassetta degli attrezzi imprenditoriali e buttarti nella grande sfida del mercato… la tua sfida!

Alla prossima.

Leave a Comment

Contattami
  • Maurizio
  • Vinci
  • +39 392 778 21 25
  • Via ALCIDE DE GASPER 12/A - Cellamare (Bari)
  • info@mauriziovinci.it
Seguimi su